mercoledì 1 novembre 2017

"FORZA NUOVA: CHIUDERE IL PIME A SASSARI".


La gravissima rissa scoppiata tra richiedenti asilo ospiti del P.I.M.E. e residenti del quartiere di Santa Maria di Pisa è l'ennesima dimostrazione del fallimento della politica di accoglienza, attuata a Sassari dalle varie istituzioni, Prefettura e Comune in primis.

"Finora in città ci si è limitati ad aprire centri di accoglienza, nei quali stipare in massa e con pochi controlli immigrati e richiedenti asilo, a scapito del decoro dei quartieri e soprattutto della sicurezza dei cittadini, la misura è colma ed occorrono azioni chiare ed incisive, a partire dalla chiusura del P.I.M.E.", dichiara Gianluca Sechi, responsabile di Forza Nuova per la provincia di Sassari.

"Ormai gli episodi di scontro tra immigrati e residenti stanno diventando sempre più frequenti e coinvolgono quartieri popolari come Latte Dolce e Santa Maria di Pisa, già afflitti da problemi sociali, abitativi ed economici, che, non essendo mai stati risolti fino in fondo, sono diventati ormai cronici", prosegue Sechi.

"Sassari è stata trasformata dalla sinistra al potere in un ghetto per immigrati, senza futuro né reali prospettive di integrazione, mentre è stata del tutto sacrificata la legittima richiesta dei cittadini di maggiore sicurezza e di riqualificazione dei quartieri periferici. I sassaresi non ne possono più di tutto questo e la rissa di sabato è l'ultimo avviso per un'amministrazione assente ed occupata più a risolvere i propri problemi interni che quelli della città che, sfortunatamente, ancora amministra" è la conclusione del responsabile di Forza Nuova Sassari.

A cura dell'Ufficio Stampa - Coordinamento Regionale Forza Nuova Sardegna.

Per informazioni:
Email: sardegna@forzanuova.info 
Tel. 346.8334473
Facebook: Forza Nuova Sassari
Sito: www.forzanuovasardegna.info


mercoledì 13 settembre 2017

"FORZA NUOVA: L'OGLIASTRA CONTRO I TAGLI ALLA SANITÀ".



La riforma sanitaria della giunta Pigliaru scontenta tutti. La cancellazione di molti reparti ospedalieri causerà un pesante sovraccarico di quelli restanti. In Ogliastra, territorio che presenta varie ed ormai note criticità (isolamento, carenza di infrastrutture, trasporti a singhiozzo), sale la protesta. 

A Lanusei, i cittadini ed i sindacati protestano, mentre i sindaci chiedono il riconoscimento del Dea (Dipartimento Emergenza Accettazione) di primo livello ed il potenziamento delle strutture già esistenti.

"Questa riforma sanitaria ha una sola parola d'ordine: tagliare", dichiara Mauro Deledda, responsabile di Forza Nuova per la Provincia di Nuoro-Ogliastra, che continua: "In linea con le politiche di Renzi, la Giunta Pigliaru si avvia a chiudere una serie di reparti, molti dei quali imprescindibili, in quanto situati in comuni montani ed isolati. Dopo la chiusura del punto nascite dell'ospedale di Sorgono, ora si vuole colpire Lanusei, altro centro montano: è di tutta evidenza la volontà di penalizzare l'entroterra".

In conclusione: "Questa è davvero una pessima riforma e lo dimostra il fatto che le critiche sono arrivate non solo dall'opposizione, ma anche da autorevoli esponenti della sinistra, come Massimo Zedda. Il non tener conto che l'Ogliastra ed il Nuorese sono zone praticamente prive di ferrovie e strade a scorrimento veloce denota l'insipienza della Giunta regionale, nonché una scarsa conoscenza della geografia e della morfologia del territorio sardo. 
Il fatto che l'assessore alla Sanità, Luigi Arru, sia nuorese, fa assumere alla vicenda contorni grotteschi".

Ufficio Stampa - Coordinamento Regionale Forza Nuova Sardegna.

Per informazioni:
Email: sardegna@forzanuova.info 
Tel. 371.3550647
Facebook: Forza Nuova Nuoro
Sito: www.forzanuovasardegna.info

venerdì 18 agosto 2017

“FORZA NUOVA: IMMIGRAZIONE, SITUAZIONE A RISCHIO AD ASSEMINI”.


Continua l'escalation di reati connessi alla presenza, in costante crescita, di immigrati nel territorio asseminese.
"Ridurre la questione ad una disputa tra chi sia pro o chi sia contro i cosiddetti migranti è sbagliato e fuorviante" - dichiara Riccardo Bosa, responsabile di Forza Nuova per la provincia di Cagliari - "È indubbio che ad Assemini e nei paesi limitrofi i reati commessi da parte degli ospiti dei centri d'accoglienza sono aumentati. Questa non è un'opinione, ma un dato di fatto da cui partire".
Conclude Bosa: "Ovviamente, anche fra gli italiani c'è e ci sarà chi delinque, ma la frequenza e la facilità con cui gli immigrati commettono reati è allarmante. La conseguenza è immediata: aumenta tra la gente la sensazione di pericolo e di paura e gli asseminesi, come tutti i cittadini dell'hinterland, non si sentono più tranquilli nemmeno a casa loro.
Chi può o dovrebbe garantire la sicurezza, come intende reagire di fronte a questa nuova emergenza sociale? Domanda che rivolgiamo, innanzitutto, al sindaco di Assemini, Mario Puddu".

A cura dell'Ufficio Stampa - Coordinamento Regionale Forza Nuova Sardegna.


Per informazioni:

Email: sardegna@forzanuova.info 
Tel. 380.7181332
Facebook: Forza Nuova Cagliari
Sito: www.forzanuovasardegna.info


mercoledì 16 agosto 2017

“FORZA NUOVA: PORTO TORRES CITTA' ANTIFASCISTA, TANTO RUMORE PER NULLA”.


Ad una settimana dalla mozione del consiglio comunale di Porto Torres, che ha unito il sindaco e la maggioranza grillini con l'opposizione PD nel dichiarare il comune "anti-fascista", riscontrando pure un certo clamore mediatico, il movimento politico Forza Nuova esprime la propria posizione in merito, attraverso una nota del proprio responsabile per la provincia di Sassari, Gianluca Sechi:

"Il PD, invece di fare battaglie a favore di un territorio e di una città in crisi cronica, preferisce impegnare sindaco e giunta di Porto Torres nella difesa di un anacronistico, sterile ed inutile antifascismo. 
Evidentemente, su temi come turismo, crisi industriale e difficoltà sociali sempre piu' estese non sanno proprio che fare, visto che sono complici del disastro a livello locale, regionale e nazionale. 

Il PD dimostra coi fatti di essere asservito ai poteri forti ed a interessi privati e non saranno certo i proclami sull'antifascismo a rendere Porto Torres una città migliore, soprattutto per i suoi cittadini."


A cura dell'Ufficio Stampa - Coordinamento Regionale Forza Nuova Sardegna.


Per informazioni:
Email: sardegna@forzanuova.info 
Tel. 346.8334473
Facebook: Forza Nuova Sassari
Sito: www.forzanuovasardegna.info

martedì 27 giugno 2017

“FORZA NUOVA: GIUNTA AL CAPOLINEA AL COMUNE DI SASSARI”.


La remissione delle deleghe da parte degli ultimi quattro assessori in carica della giunta comunale segnano il capolinea politico e amministrativo di Nicola Sanna dopo mesi di tensioni tutte interne alla propria maggioranza.

"Le ultime dimissioni rappresentano la fine di un progetto politico targato Partito Democratico che si è dimostrato, fin da subito, pieno di errori, sottovalutazioni e dilettantismo da parte di tutti gli amministratori coinvolti e soprattutto della dirigenza PD", dichiara Gianluca Sechi, responsabile di Forza Nuova per la provincia di Sassari.

"Il sindaco Sanna è il maggior responsabile di un'azione politica inefficace ed assente, che ha pesantemente danneggiato importanti settori quali l'ambiente, i servizi sociali e la cultura" continua Gianluca Sechi. "Il risultato è la perdita del ruolo guida di Sassari nel territorio e l'abbandono di importanti opere pubbliche, quali il centro intermodale ed il potenziamento della metro leggera, tutte opere strategiche con fondi già stanziati. A questo va aggiunta l'incapacità di rilanciare il litorale di Platamona ed il perseguimento di una politica economica in grado quanto meno di arginare la crisi in cui versano molte attività commerciali, un tempo fiore all'occhiello della nostra città", continua Gianluca Sechi. 

"L'unica soluzione" - conclude Gianluca Sechi - "è quella di staccare definitivamente la spina al moribondo, convocare al più presto nuove elezioni e lasciare la parola agli elettori, che di sicuro sapranno "premiare" questi ultimi anni di governo PD con una sonora e meritata sconfitta".

A cura dell'Ufficio Stampa - Coordinamento Regionale Forza Nuova Sardegna.

Per informazioni:

Email: sardegna@forzanuova.info 
Tel. 346.8334473
Facebook: Forza Nuova Sassari
Sito: www.forzanuovasardegna.info

domenica 25 giugno 2017

"FORZA NUOVA: NON SI FERMANO GLI SBARCHI SULLE COSTE DEL SUD SARDEGNA".


Ancora immigrati che scelgono come destinazione la Sardegna: nel 2016 sono stati oltre nove mila, il doppio rispetto all'anno precedente.

Sull'argomento, Riccardo Bosa, responsabile di Forza Nuova per la provincia di Cagliari, dichiara: "Oltre ad i numeri in crescita, la convivenza non è stata sempre facile, come testimoniano i numerosi casi di furti e scippi messi in atto da immigrati da poco sbarcati. Una situazione pronta ad esplodere, non esente da legittime proteste, come quella dei genitori villacidresi, che non sono d'accordo con la proposta del comune di formare delle classi di alfabetizzazione per immigrati adulti nei locali delle scuole elementari, non curandosi della tutela dei minori".

"Spesso si parla degli episodi che si verificano nella città di Cagliari, ma vogliamo ricordare anche i recenti fatti di cronaca capitati in provincia, con vari furti e scippi avvenuti fra Decimomannu ed Assemini, dove sono stati portati in gran numero gli ultimi immigrati sbarcati".

Conclude Riccardo Bosa: "Dopo lo strappo sullo "ius soli" ed il recente cambio di rotta sul tema immigrazione della dirigenza Cinque Stelle, auspichiamo che proprio ad Assemini il sindaco grillino Puddu inizi a dare risposte concrete alle crescenti preoccupazioni dei suoi concittadini e si attivi per contrastare questa imposizione prefettizia di concentrare immigrati nel territorio comunale".

A cura dell'Ufficio Stampa - Coordinamento Regionale Forza Nuova Sardegna.

Per informazioni:

Email: sardegna@forzanuova.info 
Tel. 380.7181332
Facebook: Forza Nuova Cagliari
Sito: www.forzanuovasardegna.info

mercoledì 21 giugno 2017

"FORZA NUOVA: MACOMER DICA NO AL MODELLO DI FINTA ACCOGLIENZA".




Continuano gli arrivi incontrollati di immigrati nella provincia di Nuoro: la rete Sprar, cui ha già aderito il capoluogo barbaricino, è stata recentemente approvata dal Consiglio comunale di Macomer. Nell'arco di pochi giorni si pronunceranno gli altri Comuni del Marghine, a cominciare da Borore. 
Secondo Mauro Deledda, responsabile di Forza Nuova per la provincia di Nuoro, "C'è un'incredibile discrasia fra la Giunta comunale e la collettività: mentre il Consiglio vota all'unanimità, i cittadini di Macomer appaiono spaesati, o talvolta nettamente contrari. Basta addentrarsi nei bar del paese per capire come la popolazione sia a dir poco scettica: sono gli stessi giornalisti a raccontarlo". "Il Nuorese", continua Mauro Deledda, "non può sopportare un'invasione di queste proporzioni: dopo il pessimo esempio del sindaco nuorese, anche il Consiglio comunale macomerese appare disposto a barattare la propria identità per un piatto di lenticchie".
Anche a Macomer, dunque, si opterà per la cosiddetta "micro-accoglienza", in modo da coinvolgere i cittadini, dietro il solito corrispettivo in danaro. Per Mauro Deledda, "Un'elemosina doppiamente squallida, in quanto molti, spinti dalle ristrettezze economiche, cederanno e saranno disposti ad ospitare gli immigrati a casa propria. In pratica si tratta di un ricatto bello e buono. Per fortuna non tutti i politici sono favorevoli e molti stanno esprimendo pubblicamente il proprio dissenso". 
In conclusione: "Il vecchio trucco di presentare il fenomeno migratorio come una panacea contro lo spopolamento dell'entroterra non convince più nessuno. Sappiamo bene che questa vergognosa tratta di esseri umani è sostenuta da tutti coloro che da essa traggono profitto: cooperative (rosse e bianche), imprenditori senza scrupoli, scafisti e ovviamente le famigerate ONG. La nostra posizione è chiara: chiunque cerchi di monetizzare i flussi migratori, approfittando della situazione di diffusa povertà, è complice dei trafficanti di esseri umani".

A cura dell'Ufficio Stampa - Coordinamento Regionale Forza Nuova Sardegna.

Per informazioni:

Email: sardegna@forzanuova.info 
Tel. 371.3550647
Facebook: Forza Nuova Nuoro
Sito: www.forzanuovasardegna.info


mercoledì 10 maggio 2017

"FORZA NUOVA, IL TG 1 HA OFFESO LA BARBAGIA".


Nei giorni scorsi, in un servizio del Tg1 Rai delle 20 sui "luoghi del Giro", quello che doveva essere un reportage sui comuni ospitanti si è trasformato in un attacco diretto contro la Barbagia: a Orune, le telecamere hanno indugiato a lungo (ed incomprensibilmente) su un cartello stradale sforacchiato, mentre il giornalista ha accuratamente evitato di citare i tanti personaggi celebri del paese (tra i quali il famoso giurista Antonio Pigliaru, padre dell'attuale Presidente delle Regione) o i siti archeologici e di interesse ambientale,  ma in compenso si è soffermato sull'omicidio avvenuto lo scorso anno, parlandone a lungo. Le ovvie polemiche successive sono state la giusta reazione alla raffica di pregiudizi che emergono ogni qualvolta si parla di Barbagia.
"Un servizio incommentabile" - attacca Mauro Deledda, responsabile di Forza Nuova per la provincia di Nuoro, che continua - "è davvero stomachevole che simili volgarità e ridicole generalizzazioni di questo genere vengano trasmesse dal servizio pubblico, pagato anche coi soldi dei barbaricini. Non contento di trattare argomenti lontanissimi dal contesto sportivo, il giornalista in questione, tale Alessio Zucchini, per completare l'opera ha addirittura pensato di includere nella sua filippica anche Orgosolo, paese nel quale il giro non sarebbe nemmeno passato: è stato dunque evidente l'intento discriminatorio e la premeditazione alla base di tutto il servizio."
"A questo punto" - continua Mauro Deledda - "dovremmo aspettarci un'analoga solerzia nel ricordare fatti di sangue qualora il Giro coinvolgesse i paesi di Erba, Novi Ligure, Alatri, Avetrana (e chissà quanti altri, sparsi per l'Italia e tutti coinvolti in tragedie più o meno recenti). Ma non accadrà. Nello stesso tempo, comunque, emerge l'inadeguatezza di una Giunta regionale che, da un lato, si è prodigata per portare a tutti i costi il giro in Sardegna (spendendo ben 4,5 milioni di euro), e nel contempo è rimasta sorpresa ed inerte, nel proprio assordante silenzio. Pigliaru è orunese per parte di padre, ma sembra essersene dimenticato."
In conclusione: "Al di là delle scuse ufficiali (che prima o poi arriverranno) e delle stucchevoli promesse di servizi riparatori (già arrivate), in un paese normale il direttore del Tg 1 avrebbe già rassegnato le proprie dimissioni, mentre in Italia i giornalisti della tv di Stato possono concedersi la libertà di offendere coloro che ne pagano gli stipendi".

A cura dell'Ufficio Stampa - Coordinamento Regionale Forza Nuova Sardegna.

Per informazioni:

Email: sardegna@forzanuova.info 
Tel. 371.3550647
Facebook: Forza Nuova Nuoro
Sito: www.forzanuovasardegna.info

mercoledì 3 maggio 2017

“BONORVA (SS), FORZA NUOVA: "SFRUTTAMENTO" MASCHERATO DA ACCOGLIENZA”.



E' di questi giorni la notizia che i cittadini di Bonorva si sono schierati compatti con il loro sindaco, in merito alla partecipazione del Comune al bando SPRAR, pubblicato dal Governo, per la cosiddetta "accoglienza diffusa". Lo scopo, neanche tanto nascosto, è quello di dare ospitalità a minori non accompagnati che, dovendo andare a scuola, farebbero rivivere le classi scolastiche tagliate dalla riorganizzazione della Regione.
"Il caso di Bonorva è emblematico" - dichiara Gianluca Sechi, responsabile di Forza Nuova per la provincia di Sassari - "Le amministrazioni locali sono costrette a sfruttare qualunque occasione, anche dei bambini stranieri, per riottenere parte di quei finanziamenti ridotti progressivamente all'osso dai tagli draconiani degli ultimi governi". 
"Lo scopo finale non è l'accoglienza disinteressata in nome della solidarietà", continua Gianluca Sechi, "ma quello di ristrutturare le scuole del paese e riottenere l'autonomia scolastica perduta a causa delle scelte compiute dall'ex assessore regionale alla Cultura Claudia Firino". 
In conclusione, Gianluca Sechi: "Sindaco e cittadini, invece di tentare di risollevare la loro economia con i sotterfugi, dovrebbero pretendere da Governo e Regione l'erogazione di finanziamenti adeguati per tutti quei servizi che continuano ad essere profumatamente pagati con le loro tasse. Un paese di grande importanza storica ed economica come Bonorva non merita di essere declassato solo a "centro d'accoglienza", comunque esso sia denominato o strutturato, ma merita rispetto e attenzione".

A cura dell'Ufficio Stampa - Coordinamento Regionale Forza Nuova Sardegna.

Per informazioni:
Email: sardegna@forzanuova.info 
Tel. 346.8334473
Facebook: Forza Nuova Sassari
Sito: www.forzanuovasardegna.info

lunedì 1 maggio 2017

“FORZA NUOVA, CAGLIARI NON E' CAPITALE DELLA SUA CULTURA”.


La Fiera Campionaria Internazionale aperta e gratuita (anche se in versione rimaneggiata),  il ponte del I° Maggio, belle giornate, la 361° Sagra di Sant'Efisio, ma non solo: cultura, spiritualità, tradizione e storia della Sardegna fanno bella mostra di  sé nel capoluogo di regione.

"Tutto questo sembra non bastare per far conoscere davvero alcuni dei luoghi più importanti e significativi di Cagliari, non solo per curiosi turisti, ma anche per tanti ignari cittadini; siti che rimangono inspiegabilmente chiusi o trascurati", spiega Riccardo Bosa, responsabile di Cagliari e provincia per Forza Nuova.

"Tuvixeddu, per citare un esempio eclatante, rappresenta la necropoli punica più grande d'Europa e di conseguenza la più importante, sabato pomeriggio non registra nemmeno un visitatore, ma negli altri giorni la situazione non è migliore, eppure l'ingresso è gratuito, il sito è spettacolare e si trova in centro città.
Il problema è la pessima gestione del nostro patrimonio culturale da parte degli enti preposti, con una nota di demerito e responsabilità speciale per Comune e Regione".

Prosegue Bosa: "In tutta la città, non c'è un cartello che permetta di arrivare alla necropoli, che ha il suo ingresso principale in via Falzarego: nessun mezzo pubblico arriva anche solo in zona ed è impossibile arrivarci in macchina senza l'aiuto di Google Maps.
Tenendo conto che il sito è aperto dalla mattina alla sera, c'è da chiedersi come mai chi detenga l'autorità, il potere e quindi il dovere di promuovere il sito, continui a non muovere un dito."

A cura dell'Ufficio Stampa - Coordinamento Regionale Forza Nuova Sardegna.

Per informazioni:

Email: sardegna@forzanuova.info 
Tel. 380.7181332
Facebook: Forza Nuova Cagliari
Sito: www.forzanuovasardegna.info

mercoledì 26 aprile 2017

"NUORO, FORZA NUOVA: LA GIUNTA SODDU PRIVILEGIA GLI IMMIGRATI".


Con la decisione di aderire allo SPRAR (la rete d'accoglienza per i migranti gestita dai Comuni italiani), il Comune di Nuoro ha compiuto una vera e propria scelta di campo.

Stavolta, i privati saranno coinvolti direttamente: dietro corrispettivo, potranno mettere a disposizione case o posti letto. L'adesione ha suscitato un vespaio di polemiche ed è significativo che persino il consigliere Sulas (Partito Democratico) abbia espresso più di una perplessità, parlando apertamente di discriminazione ai danni dei nuoresi.

"Una decisione assurda e inspiegabile" commenta Mauro Deledda, responsabile di Forza Nuova per la provincia di Nuoro, che continua: "la scelta della giunta Soddu può costituire un pericoloso punto di non ritorno ed è francamente offensivo che le esigenze di persone nate e cresciute a migliaia di chilometri dalla nostra terra vengano anteposte a chi ha le proprie radici nel Nuorese".

"In tutta la città", continua Mauro Deledda, "centinaia di persone vivono in condizioni di estremo disagio, spesso al di sotto della soglia di povertà: per chi attende una casa popolare da anni, tutto ciò suona come una provocazione. Ecco perché questo progetto può creare solo esasperazione ed aumentare l'allarme sociale."

In conclusione: "La posizione di Andrea Soddu è ormai nota ed è stata esplicitata: per il sindaco, l'immigrazione non è un'emergenza, ma una risorsa. Ciò rende l'idea di quanto Sindaco e Giunta siano allo sbando e segnatamente di quanto siano avulsi dal contesto cittadino, sardo ed europeo. In più, risulta particolarmente squallido il tentativo di monetizzare i flussi migratori, approfittando del fatto che un corrispettivo in danaro, in questo momento, potrebbe fare gola a tanti."

A cura dell'Ufficio Stampa - Coordinamento Regionale Forza Nuova Sardegna.


Per informazioni:

Email: sardegna@forzanuova.info 
Tel. 371.3550647
Facebook: Forza Nuova Nuoro
Sito: www.forzanuovasardegna.info

martedì 25 aprile 2017

“25 APRILE, FORZA NUOVA: LIBERIAMOCI DALL'UE”.


Cagliari. “Liberiamoci dall'Unione Europea!”, così recita lo striscione e le decine di locandine affisse per la città da Forza Nuova, in occasione del 25 aprile. 

“Mentre partiti e sindacati di sinistra si apprestano a festeggiare da calendario la “Liberazione”, ci chiediamo se gli italiani oggi siano davvero liberi e liberati dall'oppressione”, dichiara Gino Melis, coordinatore regionale di Forza Nuova per la Sardegna, che continua: “L'Unione Europea, così come è stata concepita e realizzata, è entrata nella vita di ogni cittadino, condizionandola in maniera sensibile, attraverso trattati, norme, sentenze, direttive, patti di stabilità e soprattutto la moneta; i governi nazionali e locali hanno così perso progressivamente autorità e sovranità, in modo particolare hanno perduto il potere di intervenire all'occorrenza per salvaguardare gli interessi dei propri concittadini.”

Conclude il responsabile regionale di Forza Nuova: “Il mondo migliore, che l'UE ci avrebbe dovuto donare ed in cui credono ancora solo le classi dirigenti al potere di mezzo vecchio continente, si scontra con la dura e cruda realtà: l'Unione Europea avrebbe dovuto garantire benessere, ma mai come ora la crisi economica sembra essere senza  fine, soprattutto per le regioni più povere; l'Unione Europea avrebbe dovuto garantire ordine, ma di fronte al terrorismo internazionale ed all'emergenza immigratoria, nessun paese sembra più al sicuro; l'Unione Europea avrebbe dovuto garantire la pace, ma la sua collocazione strutturale nella NATO la pone al fianco di alleati belligeranti e tutt'altro che pacifici, come gli USA e la Turchia”. 

A cura dell'Ufficio Stampa - Coordinamento Regionale Forza Nuova Sardegna.

Per informazioni:
Email: sardegna@forzanuova.info 
Tel. 380.7181332
Facebook: Forza Nuova Sardegna 
Sito: www.forzanuovasardegna.info

giovedì 20 aprile 2017

“FORZA NUOVA: LA REGIONE ESULTA, IL NORD SARDEGNA PIANGE”.


Nel corso del convegno "Impresa, investimenti e incentivi", organizzato a Sassari dalla Sardafidi, l'assessore regionale all'Industria, Maria Grazia Piras, ha sprizzato gioia ed ottimismo da tutti i pori per i timidissimi segnali di ripresa, diffusi recentemente da alcuni osservatori economici.

"Peccato che in questo momento le affermazioni dell'assessore Piras siano del tutto ingiustificate", dichiara Gianluca Sechi, responsabile di Forza Nuova per la provincia di Sassari. 

"Gli investimenti messi in campo dalla Regione, più per scopi di consenso elettorale che per esigenze di pianificazione, sono sì numerosi, ma con stanziamenti esigui e spesso spalmati su più anni", continua Gianluca Sechi. 

"E' inutile incentivare l'innovazione, le start-up o l'efficentamento energetico, se poi tutto viene vanificato dalla mancanza di un adeguato sistema di viabilità interna e di collegamenti con il resto del Paese e dell'Europa". 

"Il nord Sardegna" - prosegue il responsabile di Forza Nuova - "vanta da anni numerose eccellenze, sia nel campo agricolo che in quello industriale, per non parlare dell'ambito turistico, ma non riesce a rafforzarsi proprio a causa delle carenze della rete viaria, che lo attraversa (un esempio ormai classico è la Sassari-Olbia) e dell'assenza di collegamenti commerciali aerei e navali sufficienti (sono ormai dimenticati i tempi d'oro degli scali di Porto Torres e Golfo Aranci)". 

"Come al solito, i nostri politici regionali si entusiasmano per i pochi successi che vengono eccessivamente pubblicizzati" - conclude Gianluca Sechi - "invece di fare un doveroso "mea culpa" per il dilettantismo e l'inadeguatezza che caratterizza la loro azione, fin da quando si è insediata la giunta Pigliaru". 

A cura dell'Ufficio Stampa - Coordinamento Regionale Forza Nuova Sardegna.

Per informazioni:
Email: sardegna@forzanuova.info 
Tel. 346.8334473
Facebook: Forza Nuova Sassari
Sito: www.forzanuovasardegna.info

martedì 11 aprile 2017

"FORZA NUOVA CONTRO IL DEGRADO DIFFUSO NELLA CITTA' DI CAGLIARI".


Dal colle di San Michele a Sant'Elia, passando per la centralissima via Roma, è impossibile non vedere la quantità davvero preoccupante, di siringhe sporche di sangue. 

Riccardo Bosa, responsabile provinciale per Cagliari di Forza Nuova dichiara in merito: "Facciamo questa denuncia su segnalazione di alcuni cittadini esasperati, ma il problema è davanti agli occhi di tutti, soprattutto per i residenti, che per ogni giorno e soprattutto durante la notte, vedono movimenti "sospetti" di persone, alla ricerca di angoli bui o cespugli per drogarsi."

Continua Bosa: "Il degrado raggiunto da alcuni rioni cittadini è allarmante, ancora più allarmante è il menefreghismo delle istituzioni, che omettono di effettuare adeguati interventi. L'amministrazione Zedda dovrebbe intensificare da subito il controllo del territorio per mezzo della polizia locale, al fine di dissuadere la formazione di zone a rischio. Inoltre, dovrebbe attivarsi con i servizi sociali, per contrastare il fenomeno delle tossicodipendenze, tutt'altro che in calo. Infine, dovrebbe garantire un'efficiente pulizia delle strade e delle aeree urbane, perchè siringhe lasciate nelle aiuole o nei marciapiedi sono un pericolo per la salute dei cittadini, soprattutto per i più piccoli".

A cura dell'Ufficio Stampa - Coordinamento Regionale Forza Nuova Sardegna.

Per informazioni:

Email: sardegna@forzanuova.info 
Tel. 380.7181332
Facebook: Forza Nuova Cagliari
Sito: www.forzanuovasardegna.info

sabato 1 aprile 2017

"FORZA NUOVA: STRADE CHIUSE, NUORO ANCORA ISOLATA".


Il clamoroso ritardo nella messa in sicurezza della strada Nuoro-Orgosolo-Oliena rischia di causare un congestionamento del traffico, con disagi per i nuoresi e gli abitanti dei paesi vicini. Tenendo conto che i lavori sono cominciati, a seguito della frana di un costone, nel lontano 2013, si tratta dei soliti tempi biblici.

"Tutto il Nuorese, dopo il quasi totale isolamento durante la nevicata di gennaio (con l'impossibilità di transitare in molte strade extraurbane, e dato che la stazione ferroviaria era incredibilmente chiusa da più di un mese), patisce ancora una volta l'insipienza di una certa politica" dichiara Mauro Deledda, responsabile di Forza Nuova per la provincia di Nuoro, che continua: "Il Sindaco Soddu tergiversa, parlando in maniera vaga di ritardi di qualche settimana, ma questa Giunta comunale, già in ritardo su molte altre opere promesse e non realizzate, persevera nelle sue politiche fallimentari."

In conclusione: "Come se non bastasse l'orientamento cagliaricentrico della Regione, la Barbagia deve ora fare i conti con una Giunta comunale che non mantiene gli impegni presi. Con la galleria di Mughina quasi costantemente chiusa e le strade extraurbane inaccessibili, i cittadini di Nuoro, ma anche i lavoratori e i pendolari dei paesi vicini sono costretti a compiere deviazioni interminabili e a subire disagi insopportabili".

A cura dell'Ufficio Stampa - Coordinamento Regionale Forza Nuova Sardegna.


Per informazioni:

Email: sardegna@forzanuova.info 
Tel. 371.3550647
Facebook: Forza Nuova Nuoro
Sito: www.forzanuovasardegna.info

mercoledì 29 marzo 2017

“FORZA NUOVA: SARDI ISOLATI, SARDEGNA PARALIZZATA”.


Lo sciopero aereo nazionale di sabato 5 aprile si tradurrà nell'ennesimo weekend da incubo per i sardi, che si troveranno ancora una volta pesantemente isolati dal resto del mondo anche a causa della decisione dell'ex compagnia di bandiera di cancellare alcuni da e per l'Isola anche il 4 e il 6 aprile. 

"Come al solito l'aeroporto di Alghero sarà quello più penalizzato da decisioni prese sul continente nel completo disinteresse della giunta regionale", dichiara Gianluca Sechi, responsabile di Forza Nuova per la provincia di Sassari. 
"E' una pessima immagine che diamo della nostra Isola alla vigilia dell'inizio della stagione turistica", continua Gianluca Sechi, "e a farne le spese saranno come al solito gli operatori turistici di Alghero e del nord Sardegna, impossibilitati a pianificare l'avvio della stagione turistica". 

In conclusione "Pigliaru e Deiana, perennemente inadeguati al loro ruolo, devono smetterla di raccontare balle ai sardi e mettersi finalmente al lavoro per il bene della Sardegna, che non ha più né tempo né pazienza".

A cura dell'Ufficio Stampa - Coordinamento Regionale Forza Nuova Sardegna.

Per informazioni:
Email: sardegna@forzanuova.info 
Tel. 346.8334473
Facebook: Forza Nuova Sassari
Sito: www.forzanuovasardegna.info

giovedì 23 marzo 2017

“FORZA NUOVA: QUESTA NON E' INTEGRAZIONE, QUESTA NON E' ACCOGLIENZA”.


Nei primi tre mesi dell'anno, sono già stati più di duecento gli immigrati che sono arrivati nelle coste sarde con le cosiddette “carrette del mare”. Come se non bastasse, ritornano anche gli sbarchi forzati e di massa: la nave “Siem Pilot” è nuovamente attraccata al molo Ichnusa di Cagliari, col suo carico di circa novecento disperati in cerca di una vita migliore.

"In primavera ci aspettavamo le rondini, invece ora il fenomeno migratorio ha un altro soggetto: gli uomini” dichiara Riccardo Bosa, responsabile provinciale di Forza Nuova per Cagliari che continua: “facciamo chiarezza, la “Siem Pilot” batte bandiera norvegese e non si capisce quale sia l'interesse nel traghettare uomini dal largo delle coste libiche, ben lontano dal “canale di Sicilia”, per portarli in Italia. Qual'è il legame ed il rapporto con i trafficanti di esseri umani? Ancora, secondo il diritto marittimo chi viene soccorso in mare deve essere portato in salvo nel porto più vicino, che in questo caso non sono né Lampedusa, né tanto meno Cagliari.”

In conclusione: “si parla raramente e senza la giusta attenzione dei disagi quotidiani conseguenti a questi ingenti e continui sbarchi di immigrati, ma la gente comune fa i conti sempre più spesso con paure e preoccupazioni crescenti. Per le vie del centro cittadino, si sono moltiplicati i reati commessi da immigrati: spaccio, scippi, furti e risse sono all'ordine del giorno nelle zone limitrofe al porto, luogo preferito per il bivacco, tanto che dopo le 22.00 le stesse vie diventano quasi deserte, una sorta di “coprifuoco” preventivo, generato dalla paura di subire qualche tipo di violenza”.

A cura dell'Ufficio Stampa - Coordinamento Regionale Forza Nuova Sardegna.

Per informazioni:

Email: sardegna@forzanuova.info 
Tel. 380.7181332
Facebook: Forza Nuova Cagliari
Sito: www.forzanuovasardegna.info

sabato 11 marzo 2017

“FUORI DALLA SCUOLA, ESCLUSI DALLA VITA”.


I militanti forzanovisti hanno affisso in varie città d'Italia, dalla Valle d’Aosta alla Sicilia - in Sardegna, fuori dal Provveditorato agli studi della provincia di Cagliari ad Elmas (CA) -, decine di striscioni riportanti la frase “Fuori dalla scuola esclusi dalla vita” per protestare contro le norme contenute nei decreti della legge 107/2015, la cosiddetta "buona scuola", in materia d’inclusione scolastica degli studenti con disabilità.
Forza Nuova tramite il suo Dipartimento Disabilità, esprime la piena convinzione che le novità legislative in discussione rappresentino un netto passo indietro sul terreno dei diritti inalienabili degli alunni disabili con l'unico tornaconto del risparmio, utile solo in termini di bilancio. 
Uno dei migliori modelli d’inclusione scolastica degli alunni, ulteriormente rafforzato dalle legge 18 del 3 marzo 2009, ovvero la ratifica della Convenzione ONU per i Diritti delle Persone con Disabilità, verrebbe così rottamato per ragioni economiche.

Quanto coerentemente stabilito dalle attuali norme legislative prevede l’interpellanza di tutte le figure che ruotano attorno all'alunno con “necessità speciali”, al fine di valutare gli interventi necessari atti al miglior sviluppo psico-fisico individuale; questo genere di valutazioni non possono essere delegate ai soli Istituti scolastici, in primis per la conclamata mancanza di competenze ed in secondo luogo per la necessaria collaborazione tra le figure di specifica pertinenza chiamate ad intervenire nel percorso di vita dell’alunno.
Crediamo, inoltre, che questa marcia indietro dipenda anche dalla crescente consapevolezza della finora conclamata disapplicazione delle norme vigenti in materia - per il rispetto delle quali le famiglie interessate sono troppo spesso costrette ad intraprendere percorsi legali - la cui effettiva applicazione comporterebbe investimenti, tanto economici che di risorse umane, che il Governo ha dimostrato preferir indirizzare ad implementazioni d’approfondimento di genere sessuale, meglio identificate come “gender”, malgrado le stesse non siano ancora state ufficialmente previste.

A cura dell'Ufficio Stampa - Coordinamento Regionale Forza Nuova Sardegna.

Per informazioni:

Email: sardegna@forzanuova.info 
Tel. 380.7181332
Facebook: Forza Nuova Sardegna
Sito: www.forzanuovasardegna.info

martedì 7 marzo 2017

“COMPLIMENTI AL SINDACO DI MASULLAS (OR) DALLA LEGA DELLA TERRA”.


L'Associazione di categoria “La Lega della Terra” ha inviato una lettera al sindaco di Masullas (OR), Mansueto Sinni, per esprimere vivo apprezzamento e condivisione per l'iniziativa, promossa dalla sua amministrazione, di assegnare le terre pubbliche ai disoccupati e di creare un punto dove produrre la pasta da grano locale.

“Dopo aver appreso la notizia, non potevamo che rivolgerci direttamente al Sindaco Sinni per fargli i nostri complimenti per il suo progetto” dichiara Federico Trotta, presidente nazionale di “La Lega della Terra”, che continua: “La nostra associazione sostiene da sempre che il ritorno alla terra non sia un'utopia, ma una reale occasione di lavoro per tanti giovani senza impiego e di ricchezza per un'intera comunità, agendo sempre nel rispetto dell'ambiente e della natura.
Indipendentemente dagli schieramenti politici, auspichiamo che tanti altri amministratori locali prendano esempio dal loro collega di Masullas, non solo il Sardegna ma in tutta l'Italia, sia nei piccoli centri che nelle città”.

A cura dell'Ufficio Stampa - Coordinamento Regionale Forza Nuova Sardegna.


Per informazioni:

Email: sardegna@forzanuova.info 
Tel. 380.7181332
Facebook: Forza Nuova Sardegna
Sito: www.forzanuovasardegna.info

giovedì 2 marzo 2017

“NUORO ED IL SUO (IRRILEVANTE) PESO POLITICO”.


Grenaches du Monde è un concorso internazionale riservato ai vini prodotti dal vitigno noto nel mondo con varie denominazioni: Cannonau, Grenache appunto, e via dicendo.
La quinta edizione di questo importante evento ha avuto luogo, pochi giorni fa, proprio in Sardegna. Ed essendo le produzioni di Cannonau concentrate (per il 70%) nel Nuorese ed in Ogliastra, ci si aspettava che il capoluogo barbaricino avesse un ruolo-chiave in seno all'organizzazione ed allo svolgimento della kermesse.
Nulla di più lontano dalla (dura) realtà dei fatti: a parte una fugace visita ai vitigni delle vallate di Oddoene, gran parte della manifestazione si è svolta tra Alghero (che ha ospitato l'inaugurazione) e Cagliari (dove si è conclusa).
Tra le inevitabili e sacrosante polemiche, il sindaco di Nuoro Soddu si è limitato a dire di aver fatto il possibile affinché Nuoro avesse un ruolo chiave nella manifestazione.
Nulla di straordinario, insomma. Ma anche la Regione non ha fatto la sua parte: molti consiglieri (polemici solo a intermittenza) hanno rilasciato dichiarazioni sarcastiche, ma nessuno di loro ha attaccato direttamente la Giunta Pigliaru, che poteva e doveva fare di più per tentare un cambiamento d'itinerario.
Tenendo conto che i politici, quando e se vogliono, hanno il potere di incidere, e se nemmeno le pressioni della Camera di commercio nuorese sono valse a qualcosa, è evidente che il capoluogo barbaricino è stato tagliato fuori da un tacito accordo fra vere e proprie lobbies (le influentissime cantine sociali isolane, che casualmente hanno sede ad Alghero e Cagliari... ).
Una banale questione di campanile, insomma, ha escluso e penalizzato Nuoro e l'Ogliastra, da sempre prive di sponde politiche.
Ennesima fregatura ed ennesimo indotto perduto.

A cura della Federazione Provinciale di Forza Nuova Nuoro.

Per informazioni:
Email: nuoro@forzanuova.info 
Tel. 371.3550647
Facebook: Forza Nuova Nuoro
Sito: www.forzanuovasardegna.info

giovedì 23 febbraio 2017

“SASSARI, UNA CITTA’ ORMAI SENZA IDENTITA'”.


Da sempre le caratteristiche peculiari e la fisionomia delle città hanno coinciso con il centro storico ed i suoi abitanti.
Questo ormai non si può più dire di Sassari, il cui cuore storico ha subito in pochi decenni un’emorragia demografica ed economica così forte da averne minato, forse per sempre, l’aspetto. 
Basti dire che i residenti sono passati da 60 mila a circa 9.000 (di cui qualche migliaio extracomunitario) e che quelle che un tempo erano botteghe caratteristiche si sono trasformate in locali abbandonati, empori cinesi, rivendite di kebab o distributori automatici. 
Questo fenomeno di snaturalizzazione è stato accentuato dalle politiche miopi, inefficaci ed inadeguate delle varie amministrazioni cittadine, che hanno preferito favorire la nascita di centri commerciali in periferia o utilizzare i pochi finanziamenti disponibili per la realizzazione di opere inutili. Da alcuni anni, inoltre, le strade della Sassari storica, che un tempo brulicavano di vita quotidiana, sono state racchiuse in una ZTL da sempre contestata, se non odiata, da commercianti e residenti, che si sono ritrovati quasi subito in un ghetto deserto. 
Anche l’amministrazione guidata da Nicola Sanna, da quando si è insediata, ha fatto ben poco per rimediare agli errori del passato, limitandosi a finanziare solo qualche sporadica manifestazione culturale o abbellimento estetico, che non sono riusciti ad invertire il declino del centro storico. Questo nonostante le periodiche rivendicazioni di un ruolo guida per il rilancio del nord Sardegna. Evidentemente il sindaco ed i suoi assessori non si rendono conto o non capiscono che se una città perde la propria impronta originaria non può sperare di rivestire un ruolo di primo piano per il territorio circostante, per il semplice fatto che un’azione efficace e duratura nel tempo non può prescindere dalla difesa di quelle che sono le peculiarità economiche e sociali locali. 
Si crea così un circolo vizioso dal quale è sempre più difficile uscire e che vede come uniche vittime non solo quei pochi coraggiosi che ancora cercano di rimanere attaccati alle proprie radici, ma l’intera città ed il suo circondario.

A cura della Federazione Provinciale di Forza Nuova Sassari.
Per informazioni: 
Email: sassari@forzanuova.info 
Tel. 346.8334473 
Sito: www.forzanuovasardegna.info
Facebook: Forza Nuova Sassari

lunedì 20 febbraio 2017

“SANITA' UGUALE PER TUTTI. O FORSE NO?”.

Con la riforma della Sanità, passando dalle otto ASL alla “ASL Unica” (ATS, Azienda per la Tutela della Sanità), l'obbiettivo dell'assessore alla sanità Arru era quello di risparmiare, ed è quello che è successo, anche se nei settori, invece, da salvaguardare.
Nelle scuole, come a casa, ma anche nelle strutture pubbliche, esiste un piccolo “esercito” di persone che hanno scelto di lavorare con bambini, ragazzi, adulti ed anziani “problematici”, con tutte quelle persone che presentano patologie, sia fisiche che psichiche, invalidanti e di conseguenza che non consentono di affrontare la quotidianità senza l'aiuto proprio di questi specialisti.
Questo “esercito” è formato da medici, educatori, insegnanti di sostegno, fisiatri; alcuni sono dipendenti pubblici, ma la maggior parte sono dipendenti di cooperative che lavorano in appalto per l'ATS.
Il lavoro svolto da queste persone è molto importante sia per gli assistiti che per le loro famiglie, che si sentono spesso disorientate dalla troppa burocrazia ed abbandonate dai funzionari pubblici, obbligandole a districarsi in un sistema farraginoso ed a volte proprio sconosciuto.
Per gli operatori, superato l'impatto del decreto “Buona Scuola”, che ha riorganizzato il servizio educativo negli istituti scolastici di ogni grado, senza tenere conto delle esigenze reali sia degli assistiti che degli operatori, ecco arrivare una nuova tegola: con la riforma regionale, ci si è “dimenticati” di queste figure educative, arrivando alla negazione e quindi alla mancata retribuzione dei diritti contrattuali, come, ad esempio, le ferie o i permessi.
Non riconoscendo agli operatori sociali i loro diritti, si mette a rischio il normale svolgimento delle attività e come se non bastasse, l'assessore Arru non rileva alcun problema e non riconosce l'importanza delle motivazioni della protesta degli operatori sociali.
Ancora una volta l'amministrazione pubblica si è dimenticata di una parte di cittadini, proprio dei più deboli, di quelli che non possono alzare la voce.

A cura della Federazione Provinciale di Forza Nuova Cagliari.

Per Informazioni:
Email: cagliari@forzanuova.info
Tel. 380.7181332
Sito: www.forzanuovasardegna.info
Facebook: Forza Nuova Cagliari

lunedì 30 gennaio 2017

“DESULO-NUORO, 60 KM IN 6 ORE”.

Nel mese di gennaio, un'eccezionale nevicata ha colpito il Nuorese.
Fra gli intoppi, i disagi ed il prevedibile caos generato, spicca il vergognoso caso della partoriente di Desulo che ha impiegato ben 6 (!) ore per raggiungere l'ospedale di Nuoro: considerando che fra Desulo e Nuoro ci sono circa 60 km, l'automobile che ha trasportato la donna ha viaggiato ad una velocità media di soli 10 km all'ora. Per fortuna il parto non era imminente e le cose sono andate per il meglio. Ma l'indignazione resta.
D'altro canto, non sarebbe successo nulla di tutto ciò, se il punto nascite del vicino ospedale di Sorgono non fosse stato chiuso (a causa della tragicomica “Riforma Delrio”): la donna è stata invece costretta ad un viaggio molto più lungo e quasi proibitivo. Come se non bastasse, al paese barbaricino non è nemmeno stato consentito di avere i mezzi per pulire le strade.
Il sindaco desulese Littarru, furibondo, ha giustamente parlato di “governanti incapaci”.
Il vero problema è che nessuno ha considerato la vitale importanza dei presìdi (specie sanitari) di montagna, vera àncora di salvezza in aree dove le comunicazioni sono difficoltose.
Mentre i tagli di Delrio si rivolgono senza criterio, a destra e a manca, in pianura ed in montagna, in campagna ed in città, come se tutte le situazioni fossero uguali.
La totale incapacità e le fallimentari politiche di Renzi e dei suoi servili epigoni (con Gentiloni non cambierà alcunché) si trasmettono alle giunte regionali a guida PD, tra le quali, disgraziatamente, c'è la nostra.
Una Giunta indegna, che non mette il naso al di là di Sassari piuttosto che Cagliari e si rifiuta di conoscere la storia e persino la geografia della Sardegna, non merita di rappresentarci.

A cura della Federazione Provinciale di Forza Nuova Nuoro.

Per informazioni:
Email: nuoro@forzanuova.info 
Tel. 380.7181332 
Facebook: Forza Nuova Nuoro
Sito: www.forzanuovasardegna.info

martedì 24 gennaio 2017

"BANCOMAT SARDEGNA / SARDO BANCOMAT".


Già in altre occasioni è stato affrontato il tema dei trasporti e del diritto dei sardi a muoversi senza troppe difficoltà o a caro prezzo sia all'interno che all'esterno dell’Isola.
Ogni volta che i cittadini speravano di poter essere più ottimistici sul loro futuro come viaggiatori o fiduciosi in un cambio di rotta nelle strategie messe in campo dalla giunta Pigliaru, però, sono stati delusi e beffati dai “loro” governanti. Presidente e assessore, infatti, si sono costantemente rivelati inadatti, incapaci, banali e maldestri nell'affrontare il tema trasporti.
Adesso, oltre alla loro ignavia ed inadeguatezza, gli abitanti della Sardegna-Alcatraz devono fronteggiare anche l’ultimo colpo basso sferrato al loro diritto di potersi muovere in modo rapido e tempi decenti. Il responsabile è il sindaco di Roma Virginia Raggi la quale, indebitata fino al collo e incapace di prendere un qualsiasi provvedimento alternativo, ha praticamente imposto alla società di gestione dell’aeroporto di Fiumicino di aumentare in modo significativo l’importo delle tasse aeroportuali che ogni passeggero deve pagare per il semplice fatto di atterrare nella Città Eterna.
Ufficialmente il provvedimento è stato quasi obbligatorio, vista la situazione della Capitale, però ciò non toglie il fatto che i cittadini più svantaggiati nella mobilità siano costretti in qualche modo a pagare per colpe che non li riguardano direttamente. 
In una Regione come la Sardegna, afflitta più di altre dal ritorno del fenomeno migratorio e con un reddito pro capite immobile da molti anni, infatti, l'esborso anche di pochi euro a tratta andrà a colpire coloro che hanno più necessità di viaggiare sia per lavoro che per motivi di studio, salute o svago.
Il tutto senza che si sia sentito da parte degli "invisibili" Pigliaru e Deiana una sia pur flebile voce contraria o almeno un'idea su come ridurre disagi e costi di coloro che decidono di partire verso la "Penisola" e sono costretti, a causa dei collegamenti ormai scarsi, a fare rotta su Roma.  
Le uniche cose che si sentono dal mondo della politica regionale sono solo vuote parole e vaghe promesse alle quali i sardi non credono più e delle quali si ricorderanno - ci auguriamo - alle prossime elezioni.

A cura della Federazione Provinciale di Forza Nuova Sassari.
Per informazioni: 
Email: sassari@forzanuova.info 
Tel. 346.8334473 
Sito: www.forzanuovasardegna.info
Facebook: Forza Nuova Sassari