mercoledì 30 marzo 2016

“L'AVVENIRE DI NUORO DOPO EQUITALIA”.


E' fatta, dunque: il Comune di Nuoro ha ufficialmente rinunciato alla riscossione mediante la società Equitalia ed opterà, d'ora in avanti, per la figura dell'Ufficiale di riscossione, che sarà selezionato nei prossimi giorni.
Un sistema meno rigido e più flessibile? In teoria, la finalità è questa.
Assieme alla vendita dei beni immobili comunali, ideata per racimolare fondi a beneficio di un Comune, quello di Nuoro, pesantemente indebitato (come gran parte dei Comuni italiani), è la notizia più rilevante degli ultimi tempi.
Di certo, salutare Equitalia significa liberarsi di un inutile carrozzone pubblico, e mettere la parola fine all'usura legalizzata, alle “cartelle pazze”, ai destinatari sbagliati, alle spese aggiuntive e agli aggi che vanno a sommarsi ai debiti , e così via.
E' però necessario frenare i facili entusiasmi: non avrebbe senso passare dalla padella nella brace affidando il proprio destino ad un soggetto incompetente.
Soggetto che, è bene chiarirlo, andrà ricercato all'esterno: la Giunta Soddu ha candidamente ammesso di non disporre di una figura altamente specializzata per la riscossione diretta delle proprie entrate. Fatte queste doverose premesse, è palese che si tratta di una scelta delicatissima, che potrebbe condizionare la carriera politica del sindaco Soddu.
Tirando le somme, va certamente fatto un plauso per la scelta coraggiosa ed originale (Nuoro sarebbe il primo Comune sardo a sganciarsi da Equitalia), ma d'ora in poi il sindaco dovrà muoversi con molta, molta cautela.

A cura della Federazione Provinciale di Forza Nuova Nuoro.

Per informazioni:
Email: nuoro@forzanuova.info 
Tel. 333.8281517   
Facebook: Forza Nuova Nuoro
Sito: www.forzanuovasardegna.info