martedì 1 marzo 2016

“IMMIGRAZIONE, I PROBLEMI CONTINUANO”.


Un'altra, ennesima rissa nei cosiddetti “centri di accoglienza” della Provincia di Nuoro.
Stavolta accade a Olzai, in piena Barbagia: un nigeriano è stato malmenato da tre connazionali, a suon di calci, pugni e bastonate. Anche stavolta, come tutte le altre volte, il motivo sembra alquanto futile e sarebbe legato al rispetto della fila durante la distribuzione dei pasti.
Negli ultimi mesi gli episodi di violenza sono diventati un'inquietante consuetudine (è il secondo nel solo mese di Febbraio): Sadali, Ilbono, Tonara, Sarule, ora Olzai.
Dal pocket money all'utilizzo del wi-fi, dalla protesta per la lontananza da grossi centri urbani al predetto litigio per i pasti, un banale pretesto diventa la miccia per scatenare risse furiose, con sviluppi anche molto gravi, basti ricordare il sequestro dell'operatrice del centro di Sarule.
Questi fatti fanno supporre che i migranti arrivati siano piuttosto turbolenti e di certo sballottarli da un centro all'altro può solo peggiorare la situazione.
Il diffuso allarmismo è tutt'altro che ingiustificato: la Provincia di Nuoro è povera, spopolata e non avvezza alla convivenza con gli stranieri, che fino ai recenti, massicci arrivi sono sempre stati pochissimi. L'immigrazione non è certo solo un problema di ordine pubblico, ma se un Paese non è capace nemmeno di fare rigare dritto i nuovi arrivati, è oramai un Paese allo sbando.
Insomma, nel Nuorese lo Stato continua a essere assente: in compenso, dopo i tanti, pericolosi capimafia arrivati a Badu 'e Carros, ora è la volta di un esercito di disperati.
I nuoresi sentitamente ringraziano.

A cura della Federazione Provinciale di Forza Nuova Nuoro.
 
Per informazioni:
Email: nuoro@forzanuova.info 
Tel. 333.8281517   
Facebook: Forza Nuova Sardegna    
Sito: www.forzanuovasardegna.info