sabato 17 gennaio 2015

“(S)VENDESI CAGLIARI”.


E' notizia recente la decisione della Giunta Comunale di Cagliari di mettere all'asta ventidue immobili di proprietà comunale (www.comune.cagliari.it).
Fra i locali disponibili sono presenti varie unità commerciali, abitative, uffici ed aree edificabili: il valore stimato da parte dell'Amministrazione è di circa 3 milioni di euro.
Probabilmente queste presunte entrate rischiano di essere solamente un fuoco di paglia, dal momento che il primo utilizzo dei soldi dovrebbe indubbiamente riguardare il ripristino delle varie situazioni critiche, fra buche e cantieri sempre aperti nelle strade cittadine.
Ma prima o poi questi soldi, se le vendite andranno a buon fine, finiranno.
Una proposta alternativa sarebbe quella di dare in locazione le proprietà, dal momento che sono decine i negozi che ogni anno chiudono a causa della crisi e del “caro-affitti”.
L'amministrazione potrebbe venire incontro a queste realtà cittadine utilizzando i propri spazi, ovviamente seguendo, almeno per una volta, adeguati criteri meritocratici e di buona amministrazione che evitino abusi.
Il risultato sarebbe quello di ricavare un'entrata economica continua che, a sua volta, potrebbe essere impiegata per la riqualificazione della città.
Ma soprattutto potrebbe essere concretamente al fianco di tutti quei cittadini che si sentono abbandonati dalle istituzioni: basti pensare alle famiglie di Medau su Cramu, che continuano ad avere l'incubo di vedersi la casa demolita dalle ruspe.
Infatti, dopo qualche mese di “pausa”, i motori si sono riaccesi per buttare giù tutte quelle case che nemmeno il TAR Sardegna, in ultima istanza, ha considerato diritto fondamentale.
In questa situazione di precarietà e incertezza, la decisione assunta dal Comune appare del tutto inopportuna ed ingiusta nei confronti dei cagliaritani: sarebbe opportuno stare concretamente al fianco dei cittadini, che sono anche contribuenti e che chiedono semplicemente servizi, gridando disperatamente aiuto, per cercare di uscire dal baratro in cui si sono trovati catapultati, a volte, senza saperne il motivo o averne colpa.

A cura della Federazione Provinciale di Forza Nuova Cagliari.

Per informazioni:
Email: fn-cagliari@email.it
Tel. 380.7181332
Sito: www.forzanuovasardegna.info
Facebook: Forza Nuova Cagliari