domenica 25 maggio 2014

"I SOLITI IMBROGLI"


Con le elezioni Europee, emerge un dato: per l’ennesima volta la Sardegna rischia di non avere alcun rappresentante a Strasburgo.
L’unico che può avere serie possibilità di essere eletto è ovviamente l’ex governatore Renato Soru, il quale, pur essendo Sardo di nascita, sembra una sorta di “candidato del contentino”, una pedina manovrata da Renzi.
L'ex Sindaco di Firenze, con il rilancio di Soru, sta tentando, maldestramente, di insabbiare la bocciatura della proposta di scorpamento della circoscrizione Sardo-Sicula.
Ricordiamo che la materia è regolata dalla famigerata Legge del 1979, fortemente penalizzante per la Sardegna, la quale risulta inserita nella circoscrizione “Italia Insulare” ed è costretta a competere con la più popolosa Sicilia.
La candidatura di Soru è stata accompagnata da alcune discutibili dichiarazioni dello stesso ex Governatore (una su tutte, partorita in Sicilia: “Non sono il candidato della Sardegna”), che dimostrano come il patron di Tiscali si sia piegato alle direttive del PD Nazionale e alla supremazia decisionale siciliana in seno alla circoscrizione. La Lobby siciliana,  sia a Roma che a Bruxelles, è certamente più influente di quella sarda.
Ancora una volta la Sardegna rischia di essere tagliata fuori dall'area decisionale europea. Ancora una volta la nostra Isola appare asservita ed in balia di interessi e poteri troppo grandi. Ed ancora una volta i Sardi sono privati della possibilità di opporsi a tutto questo.
L'eventuale presenza di un Sardo (peraltro accondiscendente alla linea governativa e filo-europeista) a Bruxelles non risolverebbe certo il problema della rappresentanza politica isolana.
Ancora una volta, dunque, gli elettori Sardi saranno imbrogliati e tutto rimarrà, silenziosamente, uguale a prima.
E nel frattempo il Governatore Pigliaru, non diversamente dal suo predecessore Cappellacci, si accorda con l'emiro del Qatar, confermando un trend negativo e preoccupantemente esterofilo.
Con Forza Nuova esclusa dalle liste, la situazione appare ancora più buia: mentre ogni angolo d'Europa è scosso da focolai di ribellione, la Sardegna è avvolta nel consueto, inquietante torpore cui siamo abituati. Un silenzio mesto e pericolosissimo.
Il rischio è che all'isolamento geografico si sommi l'emarginazione politica, premessa per la definitiva implosione di ogni società civile.


A cura della Federazione Provinciale di Forza Nuova Nuoro.
 
Per informazioni:
Email: fn-nuoro@email.it
Tel. 333.8281517   
Facebook: Forza Nuova Sardegna

Sito: www.forzanuovasardegna.info