lunedì 14 aprile 2014

“CASSONETTI VUOTI E PURE LE TASCHE DEI CAGLIARITANI”


E' regola ormai tristemente nota a tutti che lo Stato abbondi con i tagli alle risorse economiche destinate agli enti locali, soprattutto in tempi di crisi, per rispettare i vincoli d'austerità dettati dall'Unione Europea.
Ciò significa in concreto che i Comuni, ad esempio, per continuare a funzionare ed erogare servizi ai cittadini devono fare da sé, trovando i soldi magari attraverso vecchie e nuove gabelle.
Anche Cagliari non fa eccezione, ma nel calcolare la T.A.R.S.U. (tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, destinata ad essere accorpata insieme alla T.I.A. - tariffa di igiene ambientale - nella nuova T.A.R.E.S. - tributo comunale sui rifiuti e sui servizi) osserviamo alcune “anomalie” segnalate dai cittadini.
Ogni Comune, in autonomia, ha il potere di stabilire le categorie di contribuenza di tutti gli immobili, in base alla loro destinazione d'uso.
Tabella ufficiale alla mano, si scopre che durante l'amministrazione Zedda il contributo per mq delle abitazioni (indipendentemente dal valore catastale dell'immobile) sia di 2,66€, mentre drogherie, librerie, edicole, tabacchini e la maggior parte dei piccoli negozi deve pagare 8,83€.
Non va meglio al settore della ristorazione e dell'alimentare, già in difficoltà per il crollo dei consumi, i costi della burocrazia e l'aumento dell'IVA: ristoranti, pizzerie, paninoteche devono sborsare 18€ al mq; bar e gelaterie 19,20€ al mq; pastifici e box mercato 9,88€ al mq, frutta e verdura (pure per le piante) 20,77€ al mq.
Ma il dato più sconcertante riguarda alcuni “soggetti economici” già forti finanziariamente, espressione di interessi del credito bancario, delle multinazionali o della grande distribuzione, che godono di un trattamento di “privilegio”, pur non avendone bisogno, rispetto a tutti i “piccoli” contribuenti ed esercenti: gli alberghi 3,02€ al mq; banche, istituti di credito ed assicurazioni pagano 8,83€ al mq; supermercati ed ipermercati 13,97€ al mq.
Correggere questo “squilibrio” è necessario, per tenere in ordine i conti del Comune e garantire una vera equità sociale ed economica, non solo con gli slogan elettorali, ma con azioni concrete.
Altrimenti, continueremo ad avere una politica forte coi deboli e debole coi forti.
Con Zedda Sindaco. 

A cura della Federazione Provinciale di Forza Nuova Cagliari.

Per informazioni: 
Email: fn-cagliari@email.it 
Tel. 380.7181332 
Sito: www.forzanuovasardegna.info
Facebook: Forza Nuova Cagliari